alberi della foresta

Yugen

  • Facebook
  • Instagram
Terapia del paesaggio

Cosa significa Yugen?

"Yugen" è una parola giapponese che sta ad indicare il senso di meraviglia che proviamo quando prendiamo consapevolezza della bellezza delle cose che ci circondano; Yugen esprime un'emozione che non è possibile descrivere a parole: è uno stato d'animo di pace, beatitudine, bellezza, comunione con l'universo intero. 
Se ami la natura, probabilmente avrai sperimentato lo Yugen camminando all'alba o al tramonto, osservando le stelle a fine giornata; guardando il mare silenzioso o ascoltando i rumori della campagna.
Schermata 2020-06-10 alle 14.32.39.png
"Yugen: Terapia del paesaggio" è un progetto nato da un'idea di Valentina Nesti e Lucrezia Tomberli, psicologhe amanti della natura e delle attività esperienziali.
Col nostro progetto intendiamo valorizzare il territorio locale, promuovendo esperienze in luoghi immersi nella natura e creando occasioni per "assaggiare" i prodotti alimentari locali.
Qual è la particolarità di Yugen?
Mettiamo insieme arte, natura, territorio e...PSICOLOGIA!
Come? Scopritelo all'interno della sezione dedicata ai nostri servizi!
Sketch freccia giù
vale.jpg

Valentina Nesti

Psicologa

"Sono nata e cresciuta in montagna e fin da piccola i miei genitori mi hanno non solo insegnato ad apprezzarla, ma anche trasmesso la passione verso di essa.

Sempre più negli anni ho ricercato la montagna, le passeggiate nel verde e nei boschi, poiché mi sono resa conto che per me camminare nel bosco era come premere il tasto 'pausa' della vita quotidiana, rigenerarmi e ripartire"

Schermata 2020-05-16 alle 18.40.11.png

Lucrezia Tomberli

Psicologa

"Se dovessi esprimere a parole quel che è per me 'andare in montagna', direi che è come 'far respirare l'anima'; prendersi del tempo per sé, immergersi nella bellezza e ricaricarsi. Quando ho bisogno di 'staccare' o di 'riflettere' infilo gli scarponi da trekking e vado a 'perdermi' in montagna. Quel che ho scoperto negli anni è che quel sentirmi 'persa nel verde' era invece un 'ritrovarmi'. Era il mio spazio, nonostante fossi nata e cresciuta in città"